per non dimenticare

alcune, spero immortali, parole da Libero

Renato Farina:

«Gli esperti dell’intelligence atlantica hanno molti dubbi su tutta la vicenda. Il volto del prigioniero non rivela contrazioni inevitabili per chi si trovi sull’orlo dell’abisso. Non appaiono intorno all’italiano uomini armati e mascherati. Potrebbe essere una recita»

e ancora:

«Garantiamo, nel nostro piccolo, ai suoi rapitori islamici: tifa per voi, per la resistenza irachena. Non è musulmano, è milanese; non aderisce ad Al Qaeda, per carità, ma in fondo giustifica chi spara ai marines. Li conosciamo i documenti antimperialisti dove si solidarizza con “le ragioni economiche, politiche, morali che spingono gli oppressi del mondo a combattere con le armi contro l’America e i suoi servi sciocchi, ad esempio Berlusconi”. Baldoni era di tale fatta. Lo ribadiamo volentieri, Signori dai lunghi coltelli: è del tipo di occidentale che piace a voi: antiamericano. Confidiamo basti»

e non basta:

«Resta la possibilità di una truffa abominevole. A favore di tale ipotesi sta la serenità di Baldoni: su Al Jazeera pare sorridere come in un filmino familiare. Quasi che dopo il rapimento, gli avessero assegnato la parte da recitare: sappiamo che sei un bravo pacifista, poi ti liberiamo, e spieghiamo al mondo che se tutti gli italiani fossero come te, il vostro Paese potrebbe dormire sonni tranquilli.»

e poi:

«Ed è davvero il colmo che un antiberlusconiano come Baldoni sia ritenuto servo di Berlusconi. Per i fondamentalisti se un infedele va in Iraq, può essere persino collaboratore di “Diario” e di “Linus”, amico di Che Guevara, ma resta uno cui Berlusconi doveva impedire di andar lì. Un po’ grottesco, quasi che non sapessero la libertà che c’è in Italia. Troppo finto per essere vero. E in palese contrasto con la consapevolezza ideologica da no global all’amatriciana, che inzuppa il comunicato.»

Vittorio Feltri:

«Se esaminata cinicamente, cioè con lucidità, la disavventura di Enzo Baldoni sconfina nella commedia all’Italiana. Già ieri abbiamo scritto: un uomo della sua età, moglie e due figli a carico, avrebbe fatto meglio a farsi consigliare da Alpitour, anziché dal Diario, la località dove trascorrere vacanze sia pure estreme (si dice così?). Evidentemente, da buon giornalista della domenica egli ha preferito cedere all’impulso delle proprie passioni insane per l’Iraq piuttosto che adattarsi al senso comune. Ciascuno fa come gli garba. E se a lui garbava di mettere a repentaglio la ghirba allo scopo di essere la caricatura dell’inviato speciale, forse sognando di diventare un Oriano Fallaci o un Ettore Mo, c’è poco da obiettare. Molto da obiettare invece c’è sul fatto che adesso tocchi allo Stato italiano di toglierlo dalle pettole (dal milanese: peste). Vabbè. Non facciamoci guardar dietro spendiamo quanto c’è da spendere per riportarlo a casa, questo bauscia simile a certi tizi i quali, durante il week end, indossano la tuta mimetica e giocano ai soldatini nelle brughiere del Varesotto.»

e anche:

«Baldoni stesso è inebetito dalle ideologie nate dalle ceneri delle ideologie: legge davanti alla telecamera il comunicato dei suoi aguzzini, in cui si dà del criminale a Berlusconi, e ne gode, glielo leggi in faccia che gode; e il video non inganna.»

e infine:

«il filoiracheno Baldoni candidato alla decapitazione è un pubblicitario (mestiere più capitalistico non esiste) il quale ha sempre lavorato per aziende americane: Mc Donald’s, Coca-Cola, Ibm, Shell, solo per citare alcuni nomi. Scusate cari lettori, più pirla di così è inimmaginabile. Ti guadagni la pagnotta (e non solo quella) ideando e realizzando spottini consumistici per le multinazionali odiate a sangue; le odii al punto da farti fotografare armato con un paio di beduini; poi arriva agosto, le schifosemultinazionali (che ti strapagano) ti garantiscono (contrattualmente) lunghe ferie e tu, pistola, vai a trascorrerle in Iraq nei panni del samaritano islamico e complice di chi vuole decollarti. Enzo, hai qualche filo staccato.»

non dimenticheremo

10 Responses to “per non dimenticare”

  1. Zu ha detto:

    Di sicuro, non dimenticheremo.

  2. Anonymous ha detto:

    Sono scioccato.No, non dimenticheremo
    Alberto

  3. GePs ha detto:

    Schifo, vergogna.

  4. Anonymous ha detto:

    non dimenticheremo…e non mi scorderò, mai quell’immancabile sorriso…
    netta

  5. mauro biani ha detto:

    No, non dimenticherò.
    Mauro Biani

  6. gattomammone ha detto:

    verra il giorno che questi due signori passeranno anche loro in posizione orizzontale…. io sto qui sul fiume del web e aspetto….

  7. melba ha detto:

    gattomammone, se il cadavere cui ti riferisci e’ quello metaforico della loro carriera giornalistica, mi siedo e aspetto con te;
    altrimenti non ti pare che cadaveri ce ne siano gia’ troppi?

  8. ludik ha detto:

    Il cadavere della dignità, quello è già passato da un pezzo.

  9. Anonymous ha detto:

    No, non dimenticheremo…
    Ma soprattutto acquisiamo sempre più la consapevolezza die ssere governati da gentaglia…
    Senza rispetto alcuno per la vita umana, che è sacra e inviolaboile, al di là di qualsiasi colore politico…
    Enzo è un esempio da seguire, loro quello da evitare…

  10. Anonymous ha detto:

    grazie per avere postato queste vergognose parole – il mio disprezzo e schifo e’ indescrivibile – questo mondo questa gente e’ uno schifo – viva baldoni